Presentazione del stauro delle opere di Fra' Bartolomeo

- Al: 23/04/2015, 00:00 | Categoria: Arte e Mostre
STAMPA

Giovedì 23 aprile 2015, ore 17.30, al Museo nazionale di Villa Guinigi saranno presentati i risultati delle ricerche e del restauro dei dipinti di Fra’ Bartolomeo. L’incontro sarà preceduto dalla lettura di brani della storiografia artistica, scelti da Claudio Gulli e interpretati da Patrizia Hartman, che accompagneranno i visitatori a comprendere profondamente la bellezza dei capolavori che il Frate consegnò alla città di Lucca. Fra il 2006 e il 2014 sono state restaurate le due grandi tele di Fra’ Bartolomeo, di proprietà statale ed esposti, sin dalla sua riapertura nel 1968, nel Museo nazionale di Villa Guinigi a cui è affidata in deposito temporaneo anche la preziosa tavola dello stesso Maestro, proveniente dalla cappella del Santuario del duomo cittadino.

L’iniziativa segna il primo evento culturale che i Musei nazionali di Lucca propongono dopo la nascita della nuova struttura ministeriale del Polo Museale regionale della Toscana, che riunisce la gran parte dei musei statali della regione, sinora gestiti dalle varie Soprintendenze territoriali, secondo le linee e le prescrizioni della riforma del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo attualmente in atto.

Ad introdurre sarà il nuovo direttore del  Polo museale Toscana, Stefano Casciu, insieme ad Antonia d’Aniello, direttore dei Musei nazionali di Lucca.
La Fondazione Cassa di risparmio di Lucca, consueta e indispensabile partner, ha consentito la pubblicazione dei risultati delle ricerche e del restauro.
Intervengono:
Massimo Ferretti  professore ordinario di Storia dell'Arte Scuola Normale superiore di Pisa
Claudio Gulli  storico dell’arte Scuola Normale superiore di Pisa
Patrizia Hartman attrice, voce recitante
Luigi Colombini restauratore

La Redazione

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK