Cresce l’attesa per l’inedito di SANDRO LUPORINI: LO STALLO

Domani 18 aprile a Torre del Lago e il 19 aprile al Teatro del Giglio di Lucca

- Al: 17/04/2018, 00:00 | Categoria: Musica
STAMPA
Lo stallo di Sandro Luporini

Sandro Luporini, l’artista viareggino, coautore di Giorgio Gaber dopo 14 anni torna a scrivere per il teatro e lo fa con uno spettacolo dal titolo di grande attualità.  

Mai titolo più attuale quello dello spettacolo che Sandro Luporini, dopo 14 anni di silenzio, torna a proporre per il Teatro. Un Luporini   motivato e fiducioso in   questa nuova sfida per uno spettacolo originale che  alterna canzoni e monologhi, di attualità  e di ironia scritti e pensati  dallo stesso Luporini.

Luporini per oltre 30 anni coautore di Giorgio Gaber ricorda l'amico e così  racconta il suo Teatro Canzone: " Io e Gaber parlavamo sempre, di continuo, su tutto ed era più semplice a quei tempi avere l'idea per strutturare gli spettacoli. Era un'epoca di fermento continuo nella vita politica e sociale del paese ed i giovani erano molto attivi e motivati, venivano spesso a vedere Gaber, erano il nostro pubblico amico. Ora non so se i giovani vanno ancora a teatro, anche se riconosco che c'è stata una nuova rivoluzione ed è ancora in corso; quella del digital”.

 E’ anche questo “lo stallo”  che racconta Luporini in uno spettacolo che si annuncia di grande interesse. Titolo che  allude a quella particolare conclusione del gioco degli scacchi in cui «la partita non ha vincitori né vinti, è immobile, eternamente sospesa», è il racconto di un uomo che si sente incapace di un gesto qualsiasi che possa ridare un senso al mondo e alla vita

 La produzione di Pierluigi Stefani  gode del patrocinio del Comune di Viareggio e  del Comune di Lucca. Interpreti di canzoni e monologhi  David Riondino, che firma anche la regia  e Chiara Riondino, cantante dalla voce profonda, potente e straordinariamente espressiva. David e Chiara Riondino, tra serie riflessioni e momenti comici, ci accompagnano in un viaggio nel nostro presente, nelle nostre nevrosi, negli aspetti più intimi della vita. La difficoltà di amare, la questione femminile, la mancanza di slanci vitali, la sessualità, la solitudine, la vecchiaia, il dilagare assurdo e irrazionale della violenza, la morte – sono tutti temi che Luporini, con il suo testo, ci costringe ad affrontare, con analisi spietate e l'intelligente leggerezza dell’ironia. Con loro sul palco, il gruppo musicale dei Khorakhanè e il polistrumentista Luca Ravagni, già musicista per Giorgio Gaber. La produzione è di DeepSide Music e MPL Communication. Le musiche sono di: Simone Baldini Tosi, Marco Canepa, Fabrizio Coveri, Giulio D’Agnello, Pier David Fanti, Fabrizio Federighi, Meme Lucarelli, Chiara Riondino, David Riondino, Matteo Scheda.

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK