Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Le istruzioni di sopravvivenza per le vittime di maltrattamenti.

il 20 novembre si celebra la giornata universale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza e la giornata internazionale  contro la violenza sulle donne in data 25 novembre.

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Ogni anno, il 20 novembre si celebra la giornata universale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, e la giornata internazionale
 contro la violenza sulle donne in data 25 novembre. Naturalmente, lo stato viene giudicato in base a ciò che fornisce ai più deboli e
 vulnerabili._
 L'associazione Olafa sente un forte scrupolo morale a opporre l'uso della violenza contro gli innocenti, pubblicando le istruzioni di
 sopravvivenza per le vittime. Tali regole si applicano indifferentemente ad adulti ed a minori. Alla fine chiediamo ai
 lettori di scrivere le loro esperienze, potete contattarci alla mail assoc-olafa@libero.it, per evidenziare come i sopravvissuti alle
 violenze potessero esprimersi senza sentirsi in colpa per quello che è accaduto, per dimostrare che tutti possono schierarsi contro la
 violenza. _
 Innanzitutto, le donne maltrattate da mariti e compagni violenti devono chiudere i rapporti ed i contatti con il proprio aggressore. I
 maltrattamenti da parte degli operatori delle case-famiglia e comunità sono purtroppo, un evento quotidiano.

 Ogni famiglia vittima di allontanamento illegale dei minori e di separazione totale del nucleo familiare deve considerare il fatto che questa situazione non
 rappresenta la fine della vita familiare unita con i propri figli, ma una fase temporanea nella quale dovete resistere con ogni mezzo contro
 l'attività illecita da parte delle autorità. Nel caso della sottrazione di un figlio dovete insegnare al bambino di ricordare il
 proprio nome e cognome, data di nascita, indirizzo di dimora, numero del cellulare di genitori. Può accadere che i minori diventano le
 vittime di comportamenti aggressivi da parte degli altri ospiti delle strutture o più probabile che subiscono le violenze da parte del
 personale di casa-famiglia.
 Le vittime devono mantenere la calma durante l'aggressione, per quanto i criminali con la loro azione violenta intendono spaventare ed
 intimidire le vittime, affermando la loro superiorità. Nel caso di attacco ogni aggredito deve cadere a terra in posizione germinale,
 proteggendo con le braccia la testa e con le gambe la pancia, le mani devono essere chiusi a pugno. La vittima deve cercare di rotolare o
 strisciare a ridosso di un muro o di un angolo, per limitare la possibilità di essere colpito da più direzioni. Il catturato deve
 urlare a prescindere dal dolore, ma non implorare misericordia per convincere chi lo batte che ottiene il suo scopo. La sopravvivenza
 presso le case-famiglia e comunità è legata ai problemi psicologici
 e fisici, ad esempio, shock iniziale dell'allontanamento da casa, timore, ferite, noia, solitudine, fatica, fame. I minori devono essere
 fisicamente e mentalmente preparati per superare questi problemi e sopravvivere. Nell'ipotesi alla continuità della minaccia, le vittime
 devono cercare di fuggire. La vostra sopravvivenza dipenderà da queste istruzioni e dalla vostra forza.

 Dr. Olga Chernikova

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK