30 anni di Naughty Dog a Lucca Comics & Games 2014

| di Nicolò Giusti & Michael Lelli
STAMPA

Crash Bandicoot™. 
Jak and Daxter™.
Uncharted™.
The Last of Us™.
Sono solo alcuni dei nomi delle fortunate saghe della Naughty Dog, azienda produttrice di videogiochi, fondata nel 1984 da Andy Gavin e Jason Rubin, negli USA.
Dal 2001, per la fortuna di Sony, fa parte di Sony Computer Entertainment.

I due fondatori del "cane monello", hanno realizzato il loro primo videogame all'età di 16 anni, per sistemi operativi Apple.
A differenza di molte case già affermate all'epoca, Naughty Dog vantava un basso capitale. Ma non sempre l'equazione "tanti soldi = bel prodotto" funziona. E questa casa produttrice di videogame, ne è l'esempio.
Negli anni '90 si sono lanciati nel mondo delle console, con un discreto successo e una qualità da fare invidia a molte major.
Il talento della "Cenerentola videoludica" non passò inosservato e la Universal Studios (l'industria cinematografica) assunse la coppia di giovani, al fine di creare un personaggio accattivante che diventasse il protagonista di un nuovo titolo.
È così che è nato uno dei personaggi più amati dai gamers: "Crash Bandicoot", un marsupiale antropomorfo che all'epoca fece impazzire giovani e non, ritagliandosi uno spazietto nel cuore di chi ha vissuto l'epoca della prima "Playstation".
La serie è proseguita con vari titoli che si sono ampiamente distaccati dal primo gioco.

Ma per quale motivo Crash Bandicoot fece questo successo enorme di pubblico, tanto da scalfire il trono detenuto da Super Mario e da Sonic?
I motivi sono vari, si passa dalla grafica “cartoon” alla enorme giocabilità che il titolo possedeva già all'epoca.
Il secondo punto, sopratutto, era il marchio di fabbrica della serie.
Al contrario di Mario e Sonic che continuavano a scivolare sul livello rendendo a volte veramente difficile il gioco, Crash aveva un controllo molto pratico e l'avere un attacco già di base (la rotazione) lo rendeva molto semplice da gestire, anche per dei neofiti del ramo Platform.
Oltre a questo, l'invenzione del gioco su un modello 3D completo con scorrimento verticale verso l'alto o verso il basso al quale, fino a quel momento, avevano pensato in pochissimi di farlo e con scarsissimi successi. Ogni capitolo aggiungeva anche delle novità come Armi (Crash Bandicoot 2) e veicoli (Crash Bandicoot 3) che modificavano radicalmente il gioco. I livelli dove si potevano utilizzare la tigre o la moto, in CB3, vennero subito apprezzati a tal punto da rendere quasi immortale questa saga.
L'ultimo sforzo della Naughty Dog è stato quello di creare, per PS1, Crash Team Racing, avversario di Mario Kart 64, e sfidarlo nel terreno dove era forte: il multiplayer. CTR presentava un gioco dove si poteva giocare, grazie al Multi-Tap, fino a 4 giocatori contemporaneamente nel medesimo quadro esattamente come il titolo Nintendo ma aveva una profondità di gioco maggiore.
La grafica era eccezionale e gli effetti, per l'epoca, strepitosi. Dopo aver ottenuto un consenso di critica e pubblico la Naughty Dog lasciò la licenza del gioco alla Sony e iniziò a concentrarsi su un altro gioco.

Esaurito dunque il fascino di Crash, Naughty Dog lanciò un'altra "bomba" sul mercato: "Jak & Daxter" per Playstation 2. Anche in questo caso, come accadde per il primo titolo realizzato per console, fu un successo che sì, mostrava retaggi della fortunata serie del marsupiale, ma si spingeva già oltre.
Prerogativa da sempre fondamentale per Naughty Dog.

Il sodalizio con Sony è andato avanti, e ad ogni gioco rilasciato, la casa produttrice acquisiva fama.

Nel 2007, il salto di qualità.
Se i primi giochi realizzati erano "per bambini", la seconda fase di Naughty Dog è stata mirata a "coccolare" e fidelizzare (sempre che ce ne fosse bisogno) i suoi ormai consolidati fan, che nel frattempo erano cresciuti d'età.
È stato infatti l'anno dell'uscita di "Uncharted: Drake's fortune" per "Playstation 3", un titolo che ha raccolto il lascito di un gioco simile: "Tomb Raider". Drake è un cacciatore di tesori che, come la sua "collega" Lara Croft, si imbatte in avventure, pericoli e sfide di ogni genere, alla ricerca della verità e di segreti nascosti.
All'Electronics Entertainment Expo del 2014, è stato annunciato il 4 sequel di questa fortunata saga.


14 giugno 2013: la “Monnalisa dei videogiochi”.
Il gioco più premiato del 2013. Unico nel suo genere.
Poco dopo che è dilagata la diatriba, che vedeva ai lati opposti Microsoft con XboxONE e Sony con PS4, è uscito in tutto il suo splendore, l'ultimo titolo Naught Dog: The Last of Us (QUI l'articolo).
Il mondo videoludico attendeva con ansia questo titolo che, fin dalla sua presentazione, prometteva essere un capolavoro. E la Naughty Dog, non ha certo deluso le aspettative.
Un capolavoro che è diventato, simbolo dei videogiochi di quella che è adesso chiamata "Old Gen" (vecchia generazioni di console: Xbox 360, Playstation 3, WiiU).
Accattivante, commovente e praticamente perfetto, questo titolo ha letteralmente fatto innamorare milioni di fan.

Questa lunga premessa sulla storia di Naught Dog, ci è servita per introdurre il seguente argomento. Come abbiamo detto, è stata fondata nel 1984. Ricorre quindi il 30° anniversario... E Lucca Comics & Games poteva non omaggiare una simile casa videoludica?
No. Ovviamente.

I “Comics” si confermano palcoscenico italiano del gioco, del videogioco e della narrativa del fantastico, con i più importanti operatori del settore presenti e stand di sicura attrattiva per il vasto e affezionato popolo degli appassionati.
Tra gli ospiti d'onore, infatti, Lucca potrà vantare quest'anno Robh Ruppel che ha lavorato per videogiochi, film, animazione, editoria, parchi tematici per major come Dreamworks, Blue Sky, Disney Studios Animation, Disney TV Animation e Paramount. 
Ma soprattutto Naughty Dog .

Un anno speciale per la prestigiosa casa, che festeggia 30 anni di arte interattiva: l'anniversario dello studio di sviluppo di videogiochi sarà celebrato con una mostra tra immagini e narrazione.
Per celebrare la storia di uno dei maggiori sviluppatori di videogiochi del mondo, Lucca Comics & Games allestirà una mostra esclusiva per i creatori di titoli leggendari come Crash Bandicoot™,  Jak and Daxter™, Uncharted™ e The Last of Us™.

Robh Ruppel, uno degli art director dello studio, sarà quindi protagonista di workshop e sessioni di autografi e parlerà dei suoi precedenti successi come Forgotten Realms™, Dragonlance™ eUncharted: Among Thieves™.

L’annuncio della mostra di Lucca, dal titolo Naughty Dog 30th Anniversary Art Show, coincide con l’imminente uscita di The Last of Us rimasterizzato per PlayStation®4. 
Inoltre, Naughty Dog e Dark Horse Comics produrranno The Art of Naughty Dog, l’esclusivo art book acquistabile a Lucca Comics & Games, viaggio nella storia dello studio attraverso gli schizzi, i disegni e il lavoro artistico che hanno reso i loro videogiochi memorabili.

Il promo per i 30 anni di Naughty Dog.

Nicolò Giusti & Michael Lelli

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK