Gabriele Ragghianti: da Lucca al Royal College of Music di Londra con il Contrabbasso in spalla

| di Nicolò Giusti
| Categoria: Arte
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Per Gabriele Ragghianti il Contrabbasso è la vita, ed è il suo amato strumento che gli è stato sempre a fianco durante i numerosi viaggi in tutto il Mondo. Ed anche ora, sarà così. Ragghianti infatti è stato scelto come professore di Contrabbasso presso il Royal College of Music di Londra, dove raccoglierà l’eredità di Thomas Martin, uno dei più grandi virtuosi di questo strumento.

Il musicista lucchese si è diplomato presso il Boccherini con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale del Ministero della Pubblica Istruzione. Da qui, non poteva che pararglisi di fronte un destino roseo che gli ha fatto spiccare il volo, sino ad insegnare ed esibirsi in tutto il Mondo.

Sempre come primo Contrabbasso si è esibito con Orchestra Toscanini, Orchestra Regionale Toscana, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, i Virtuosi Italiani, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra Gulbenkian di Lisbona, Orchestra da Camera Italiana, Orchestra del San Carlo di Napoli.

Intervenuto anche il Vicesindaco Vietina: “La carriera di Gabriele è molto ricca e rende onore alla città. Imbracciato il suo Contrabbasso, gli ha dato il lustro che si merita: è uno strumento impegnativo da ogni punto di vista. Attualmente Gabriele insegna al Boccherini, attirando allievi ed arricchendo la cultura lucchese. Siamo lieti che sia stato selezionato al Royal College, e siamo ancora più contenti perché rimarrà comunque ad insegnare al Boccherini. Infatti riuscirà a far combaciare le due cattedre. Lucca, quindi, non perderà un elemento fondamentale per la sua cultura musicale”.

Anche il Sindaco Tambellini ha reso omaggio al Contrabbassista: “Questo maestoso strumento è poco pubblicizzato; forse il  meno conosciuto  tra la famiglia degli archi. Invece Gabriele è riuscito a dare questo strumento la fama che si merita. Il conservatorio deve diventare centro nevralgico della cultura. L’Istituto è una scuola di eccellenza, seconda a nessuno, e vogliamo aprirla a tutta la città perché è nostro obiettivo diffondere la cultura musicale a tutti i lucchesi”.

A giugno scorso, Gabriele Ragghianti è stato convocato alla selezione per la cattedra di Contrabbasso al Royal College. Qui si è distinto tra tutti aggiudicandosi la cattedra lasciata da Martin. Ha però posto come clausola quella di poter continuare ad insegnare a Lucca perché non voleva allontanarsi dalla sue radici. La clausola è stata accettata, pur di avere come insegnante un musicista dello spessore di Ragghianti.

Il Direttore Mazzoli: “Sono diventato Direttore lo stesso anno che Gabriele è entrato come insegnante al Boccherini. Siamo quindi cresciuti insieme, dal punto di vista lavorativo. Subito presente ha dato vita ad una classe unica nel suo genere, forse in tutto il Mondo”.

“È un peccato che all’estero vengano spalancate le porte ai musicisti italiani, mentre qui in Italia non vengono nemmeno considerati. Siamo nella città che ha dato i natali ad i più importanti musicisti italiani, ed è per me un onore insegnare a Lucca, e non ho voluto abbandonare le mie radici” ha dichiarato Ragghianti, che poi ha aggiunto “la crisi che stiamo vivendo è anche culturale, e noi stiamo lottando contro questo degrado: musica ed arte posso rendere il Mondo un posto migliore. Qui in Italia non investiamo nella cultura come in altre nazioni: ad esempio, al Royal College ci sono ben 6.000 iscritti, da 76 paesi diversi. In Italia non esiste niente del genere”.

Ha concluso il Sindaco: “Le crisi economiche portano sempre anche a crisi di valori e culturali, ma noi non ci siamo mai tirati indietro. Come dice Gabriele, è nostro dovere continuare ad investire nella cultura, ed è ciò che la mia amministrazione ha fatto, e continuerà a fare"

Nicolò Giusti

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK