Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Ronaldo e Ibra, anziani al potere

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Il calcio è uno sport dove il talento non ha età, anzi, spesso vede i suoi interpreti migliorare con il tempo, proprio come il buon vino. I casi specifici di Zlatan Ibrahimovic e di Cristiano Ronaldo sono sicuramente tra questi, visti i risultati delle loro ultime prestazioni in Serie A, il campionato che li ha accolti in quella che con ogni probabilità sarà la loro ultima parte di carriera. In questo percorso finale, sia lo svedese sia il portoghese hanno deciso di dare tutto quanto possono per trascinare le loro squadre, ossia il Milan e la Juventus, al successo. Il primo, nato nel 1981, sembra vivere una terza giovinezza all'alba dei 40 anni, mentre il secondo, classe 1985, vive la sua terza stagione in bianconero nella quale punterà a vincere la Champions League, obiettivo per il quale è stato ingaggiato nell'estate del 2018 nell'ambito di un'operazione finanziaria importantissima, proprio come ricorda il seguente link: www.fanpage.it/sport/calcio/.

Entrambi con un periodo di convalescenza alle spalle, sono riusciti però a riprendersi praticamente a tempo di record e sono in questo momento il primo e il secondo massimo cannoniere del campionato di Serie A, anche se va detto che il portoghese condivide la seconda posizione a quota otto goal con l'interista Romelu Lukaku, mentre lo svedese è in cima con 10 reti. Secondo le ultime notizie riportate da https://extra.bet365.it/news/it, i due calciatori sono tra i più in forma del campionato e promettono di darsi battaglia fino alla fine, dando vita non solo a un duello mai visto ma ripristinando anche l'antica rivalità tra Milan e Juventus, le squadre più potenti di sempre del calcio italiano insieme all'Inter. Centravanti fisicamente devastante e dotato di grande tecnica, Zlatan sta dimostrando a tutti di essere ancora decisivo nonostante l'avvicinarsi dei 40 anni, mentre il portoghese, sebbene non riesca più a essere devastante negli affondi sulla fascia come a inizio carriera, si è riconvertito in un terminale offensivo affidabilissimo. Questo duello per lo Scudetto di quest'anno, ben analizzato in questo articolo https://www.calciomercato.com/news/ibra-ronaldo-duello-scudetto, durerà sicuramente fino alla fine della stagione. 

Entrambi risultano fondamentali per lo sviluppo del gioco di Milan e Juventus: non a caso sono i migliori marcatori delle loro squadre e rappresentano i punti di riferimento dello spogliatoio. Ibrahimovic, alla sua seconda esperienza al Milan, è arrivato nel gennaio del 2020 per poter togliere le castagne dal fuoco a una squadra senz'anima e, numeri alla mano, l'ha trasformata nella migliore compagine dell'anno solare. Ronaldo, dal canto suo, è la grande speranza dei bianconeri che vorranno non solo vincere il decimo scudetto consecutivo ma anche trionfare finalmente in Champions League, un trofeo che manca da troppo tempo nelle bacheche della Vecchia Signora. Inoltre i due fenomeni non solo hanno creato un duello a distanza ad altissima intensità ma hanno anche riportato la Serie A ai livelli di un tempo, quando poteva mostrare al mondo i migliori calciatori del pianeta e spiccava per il valore elevatissimo del suo calcio.

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK