Partecipa a LuccaCittà.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La grande Rivoluzione di Lucca Comics & Games 2014

Ospiti internazionali, Assassini Ubisoft in Villa Bottini, 30° anniversario di Naughty Dog, nuove aree tematiche e molto altro ancora

Condividi su:

Un bambino con uno sguardo "furbetto" che impugna una grande chiave d'oro di fronte ad un pesante meccanismo. Meccanismo composto da grossi ingranaggi, leve, e giunture che vanno a formare una pianta stilizzata di Lucca, dove compaiono San Michele e lo stemma della città. La serratura combacia con Piazza Anfiteatro, da cui fuoriesce una forte luce che cerca di svelare cosa cela la pesante porta.

Questo il poster (visibile integralmente a piè di pagina) dell'edizione 2014 di Lucca Comics & Games, creato da Giuseppe Dell'Otto (disegnatore Marvel) che rappresenta la città come un grosso e pesante ingranaggio, che con la chiave giusta, però, può essere messo in movimento da un bambino.

Si legge chiaramente la parola "Revolution", perché di questo, infatti si tratta. L'edizione 2014 ha così tante novità che può essere serenamente paragonata ad una vera rivoluzione. Una "rivoluzione sostenibile" come ha dichiarato Baccelli.



Non si può notare come Lucca sia viva più che mai: all'indomani dell'apertura del Summer Festival (QUI articolo e foto), ecco che si comincia a parlare della nuova edizione di Lucca Comics & Games, il Festival internazionale dedicato al fumetto, al gioco e all’illustrazione, realizzato da Lucca Comics & Games Srl, insieme al Comune di Lucca, con il sostegno di altri enti cittadini come Provincia, Camera di Commercio e Fondazioni bancarie.
Quest'anno l'appuntamento è fissato dal 30 ottobre al 2 novembre (le mostre apriranno il 18 ottobre).



“L'edizione di quest'anno, compete per imponenza con la scorsa edizione, e si presenta con una veste davvero rivoluzionaria – ha sottolineato Tambellini visto che si è deciso di ampliare lo spazio a disposizione della manifestazione e del pubblico nell'area Est della città. Lucca Comics & Games continua inoltre a spandere la sua rete internazionale di contatti in tutto il mondo, portando in città il meglio della produzione e le più grandi case editrici. Ringrazio tutti gli organizzatori della manifestazione per il grande lavoro che regalerà alla città ancora una manifestazione di grandissimo interesse”.

Dopo di lui ha preso la parola il Presidente della Provincia Stefano Baccelli: "Tempistica migliore per annunciare la manifestazione, non poteva esserci. Subito dopo il concerto degli Eagles (QUI articolo e foto), che ha aperto il mese musicale del Summer, ecco che già si parla di Lucca Comics & Games.
Quest'anno assisteremo ad una rivoluzione sostenibile che ha come protagonista lo splendido esercito pacifico tipico della fiera del fumetto".


"Nel 2016 – ha annunciato Renato Genovese, direttore del Festival - Lucca festeggerà i 50 anni con i fumetti e ci stiamo preparando per arrivare all'evento nel migliore dei modi. Mai come quest’anno il claim di Lucca Comics & Games sarà il motto che detterà le linee di sviluppo della manifestazione”.

Ascom e Confesercenti hanno sottolineato come "La manifestazione si traduca, ormai da anni, in una vera importante opportunità per tutta la città” e hanno espresso apprezzamento per come la manifestazione si sia ampliata nella città coinvolgendo anche altre aree del centro storico”.

L'amministratore unico della società, Francesco Caredio  ha invece sottolineato come la manifestazione abbia come fine “la promozione della cultura e della città: questi concetti sono ripresi quest'anno anche dal nuovo manifesto, dove sono riportati, alcuni simboli di Lucca come la pianta di Lucca, piazza Anfiteatro e la Pantera”.

Quello che è da tempo – lo dicono i numeri con  217.000 biglietti staccati nell'ultima edizione – uno dei principali eventi europei di cultura pop e di intrattenimento intelligente, sceglie ancora una volta di mettere al primo posto coloro che sono i principali referenti: i visitatori. Così nasce un’edizione a misura di spettatore, con più spazio, più padiglioni, più sicurezza, più facilità negli spostamenti e maggiori possibilità di raggiungere la città. Insomma, quella del 2014 sarà un’edizione rivoluzionaria e infatti il claim di quest’anno è proprio “Revolution!"

Come già anticipato, l'intera area Est del centro storico, quella attorno all'ex convento di San Francesco, diventa protagonista ospitando la Japan Town (l'evoluzione del Japan Palace), il pittoresco mondo di tutto ciò che ha a che fare con il Giappone. 
E l'ex Real Collegio può così diventare un vero Family Palace, in cui accogliere i padiglioni e le attività della nuova Lucca Junior, oltre a proiezioni ed eventi cinematografici di Lucca Movie dedicati ai più piccoli, in tutta sicurezza e gratuitamente.

Villa Bottini si trasformerà in un universo completamente dedicato al videogioco e alla videogame art, in occasione dell’uscita del nuovo episodio del gioco Assassin’s Creed “Unity” di Ubisoft.
Una sorta di "Villa Auditore" penseranno i fan della saga.
E invece no. L'organizzazione di Lucca Comics & Games, è andata ben oltre.

La zona di Lucca prescelta dall'organizzazione richiama in particolar modo Parigi. Il nuovo titolo della saga si svolge proprio durante la Rivoluzione Francese... Ed ecco che il gioco è fatto. Si terranno infatti diversi eventi tutti a tema "assassini incapucciati".
Nei quattro giorni sono in programma una serie di attività ludiche, artistiche e di intrattenimento, tutte basate sulla saga, con uno speciale focus sull’ultimo avvincente episodio.


Tra le attività di maggiore risalto, una mostra tributo composta da circa cinquanta opere, interpretata da altrettanti artisti, che concederanno un proprio personale tributo alla serie.
Di grandissimo interesse anche il ‘Fan Art Contest’, dove protagonisti saranno invece i fan di Assassin’s Creed, a cui verrà chiesto di interpretare e tradurre in maniera artistica la loro personale visione sulla serie. Si continuerà con sfilate di cosplay, dove verranno premiate le migliori reinterpretazioni in termini di costumi e di oggetti legati alla saga, per tornare all’importante lato artistico del gioco con una sessione di ‘Live Painting’ dedicata ad Assassin’s Creed Unity, che prende spunto dalla Rivoluzione Francese.
Così, l'assassino Arno (protagonista del nuovo capitolo, ndr) e la sua confraternita, andranno ad animare una zona finora rimasta esclusa dalla manifestazione.

Lucca Games si conferma come palcoscenico italiano del gioco, del videogioco e della narrativa del fantastico, con i più importanti operatori del settore presenti e stand di sicura attrattiva per il vasto e affezionato popolo degli appassionati.
Un rinnovato padiglione Carducci, rimane il fulcro dell'attività ludica, ma come nelle ultime edizioni anche il centro storico e le mura urbane saranno teatro delle attività.
Tra i Guest of Honor (gli ospiti d'onore) Frank Mentzer, Game Designer, protagonista della rivoluzione di Dungeons & Dragons; Markus Heitz, che ha cambiato la letteratura fantasy tedesca e Robh Ruppel parte attiva di Naughty Dog, lo studio di sviluppo di videogiochi epocali come The Last of Us (QUI recensione ed immagini del gioco).

Frank Mentzer è stato direttore creativo alla TSR negli anni '80 ed è universalmente noto per aver revisionato le regole a del D&D base creando in cinque boxed set tradotti in 11 lingue e venduti in milioni di copie in tutto il mondo. Se Gary Gygax è il creatore di Dungeons&Dragons, Mentzer né è sicuramente il suo più noto profeta, anche per aver fondato nel 1980 la RPGA (Role Playing Game Association), un'associazione nata per promuovere il gioco di ruolo di qualità e favorire gli incontri tra giocatori.

Scrittore e giornalista, Markus Heitz è uno degli autori più letti in Germania e ha espanso il suo successo in tutta Europa, grazie alla Saga della Terra Nascosta e alla Saga del mondo di Ulldart. Nei giorni di Lucca Comics & Games 2014 uscirà inoltre l’ultimo romanzo di Markus Heitz, Il cammino oscuro – La vendetta degli albi.

Robh Ruppel ha lavorato per videogiochi, film, animazione, editoria, parchi tematici per major come Naughty Dog, Dreamworks, Blue Sky, Disney Studios Animation, Disney TV Animation e Paramount. Ha insegnato all’Art Center College of Design (Pasadena), alla Gnomon (Hollywood) e alla Concept Design Academy (Pasadena). Ha ricevuto premi dallo Spectrum Fantastic Art Annual ed è stato pubblicato in numerosi altri annuari e collezioni.

Un anno speciale per la prestigiosa casa Naughty Dog, che festeggia 30 anni di arte interattiva: l'anniversario dello studio di sviluppo di videogiochi celebrato con una mostra tra immagini e narrazione.
Per celebrare la storia di uno dei maggiori sviluppatori di videogiochi del mondo, Lucca Comics & Games annuncia una mostra esclusiva in occasione del 30° anniversario di Naughty Dog, creatori di titoli leggendari come Crash Bandicoot™,  Jak and Daxter™, Uncharted™ e The Last of Us™.
Nel meraviglioso scenario di Palazzo Ducale, gli spettatori troveranno una storia visuale dei videogiochi, con concept art, storyboard, maquette originali provenienti dagli archivi di Naughty Dog.
Robh Ruppel, uno degli art director dello studio, sarà protagonista in workshop e sessioni di autografi e parlerà dei suoi precedenti successi come Forgotten Realms™, Dragonlance™ e Uncharted: Among Thieves™.
Fondata nel 1984 da Andrew Gavin e Jason Rubin, Naughty Dog ha raggiunto l’immeditato successo con la serie di Crash Bandicoot™, per poi unirsi ai Sony Computer Entertainment’s Worldwide Studios nel 2001. Dopo i successi di Jak and Daxter™ e Uncharted, l’uscita dell’innovativo e pluripremiato The Last of Us (QUI l'articolo)  ha posizionato definitivamente Naughty Dog tra i leader del settore.
L’annuncio della mostra di Lucca, dal titolo Naughty Dog 30th Anniversary Art Show, coincide con l’imminente uscita di The Last of Us rimasterizzato per PlayStation®4. Inoltre, Naughty Dog e Dark Horse Comics produrranno The Art of Naughty Dog, l’esclusivo art book acquistabile a Lucca Comics & Games, viaggio nella storia dello studio attraverso gli schizzi, i disegni e il lavoro artistico che hanno reso i loro videogiochi memorabili.

Il Teatro del Giglio, prestigioso cuore culturale della città, torna al centro della manifestazione con un evento tra musica e fumetto dedicato alla Premiata Forneria Marconi che incontrerà il pubblico per “L'intervista a fumetti” mentre Franz Di Cioccio batterista e voce salirà sul palco del Giglio per suonare con la sua blues band Slow Feet.
Se l’anno scorso il teatro ospitò l’Area Stampa, quest’anno, oltre ai giornalisti accreditati, ospiterà eventi della manifestazione anche sul prestigioso palco. In primis la Cerimonia di Premiazione, venerdì 31 ottobre, in cui saranno assegnati i premi del fumetto, del gioco, dell’illustrazione.

Area Comics.
Anche quest’anno a Lucca, il meglio del panorama internazionale, da Israele Rutu Modan e dagli Stati Uniti Robert Crumb e Gilbert Shelton.
L’ampliamento degli spazi espositivi verso la parte orientale della città è partito l’anno scorso, con il padiglione San Martino, che ha ospitato il meglio della grande editoria a fumetti. E Lucca Comics punta anche quest’anno alla fruibilità degli stand ma anche sulla qualità degli ospiti presenti. Il panorama internazionale è rappresentato in modo significativo, con un giusto mix di storiche leggende e protagonisti del contemporaneo. Dagli Stati Uniti, Robert Crumb, leggenda del fumetto indipendente, sarà presente a Lucca insieme al geniale collega Gilbert Shelton grazie alla collaborazione con Comicon Edizioni. Rutu Modan (QUI l'articolo), la più grande autrice israeliana, è vincitrice del Gran Guinigi 2013 e del Fauve d'Angouleme 2014 con La Proprietà (Rizzoli Lizard), che racconta con lucidità e contemporaneità il tema dell'identità ebraica. Per lei è in programma una mostra personale a Palazzo Ducale in un progetto che coinvolge l'Ambasciata d'Israele in Italia e l'UCEI.

Un'altra novità è la collaborazione con il Ministero della Cultura giappone: dalla partnership con il Japan Media Arts Festival nascono una serie di iniziative crossmediali.
La prima: una grande mostra dedicata a Hirohiko Araki. Diretta emanazione del Ministero della Cultura giapponese, il Japan Media Arts Festival è un festival dedicato alle arti nei media, che premia i migliori lavori di diverse tipologie di linguaggio, dall’animazione al fumetto, dalle arti visive ai videogiochi.
Il festival assegna premi in ciascuna delle sue quattro divisioni: Arte, Intrattenimento, Animazione e Manga. Il festival funziona anche da piattaforma per la promozione e diffusione delle opere premiate e di altri lavori meritevoli.
La collaborazione fra Lucca Comics & Games e JMAF, iniziata lo scorso anno con un programma di animazione d’autore e con l’invito di Yoot Saito, game designer d’avanguardia, prosegue quest’anno su diversi fronti e in particolare con il primo progetto dedicato al fumetto, la mostra personale dedicata a Hirohiko Araki, geniale mangaka vincitore del Grand Prize nella categoria manga con JoJolion, l’ultima serie della sua fortunatissima saga Le bizzarre avventure di JoJo.
Hirohiko Araki ha con l’Italia un rapporto tutto speciale. Baoh, uno dei suoi manga giovanili, fu uno dei primi ad essere pubblicati in Italia, e l’OAV da esso tratto fu il primo a rilanciare l’invasione degli anime nel nostro paese. Lo scorso anno è stato protagonista di un’importante collaborazione con Gucci, di cui ha decorato le vetrine nei negozi di tutto il mondo. Ma soprattutto, l’Italia è una presenza costante nel suo magnus opus, Le bizzarre avventure di JoJo, saga intergenerazionale di enorme successo ormai giunta all’ottava serie, in corso da quasi trent’anni. Ambientazioni e personaggi italiani si susseguono a ritmo continuo, con nomi magari un po’ bizzarri al nostro orecchio ma indiscutibilmente italiani, come Giovanna Giorno, Lisa Lisa, Bruno Buccellati, Leone Abbacchio, la famiglia Zeppeli e il cattivo principale della serie, Dio Brando, il cui nome ha, non a caso, la cadenza blasfema della bestemmia. Personaggi forti, tratteggiati col suo inconfondibile stile fiammeggiante e espressionista, fatto di volti intensi, corpi muscolosi attorcigliati in pose laocoontiche, costumi elaboratissimi e stand, le proiezioni psichiche usate dai protagonisti per combattersi, ritratti con sfrenata fantasia visiva.

Lucca Comics & Science rinnova il suo impegno che si insedia tra fumetto e (fanta). È da qui che è nata una collaborazione con il Cern di Ginevra da decenni fucina di scoperte fondamentali e di Premi Nobel (ultima solo in ordine di tempo la conferma dell'esistenza della fondamentale "particella di Higgs", notizia che a suo tempo occupò le prime pagine di tutto il mondo):  un gruppo di fumettisti si recheranno nel più prestigioso centro di ricerca del mondo. Da questa esperienza ne nasceranno storie e fumetti.
L’opera, patrocinata dal CNR, sarà presentata a Lucca a ottobre, una conferma del consolidato legame del festival con il CNR che ha dato vita nel 2012 al ciclo di incontri Lucca Comics & Science.

Ma non finisce qui.
Mancano più di tre mesi, ma le news e le informazioni sono già tantissime.




La rivoluzione dei Comics, consiste anche in un forte riassesto delle aree, alcune delle quali cambiano location per permettere una maggiore fruibilità della manifestazione.
Ecco che il Japan Palace, come annunciato (QUI l'articolo), diventa Japan Town.
Tutto ciò che "fa Giappone" invade l'area Est del centro storico.
Si amplia lo spazio che da anni Lucca Comics & Games dedica al mondo nipponico e al mondo dei manga, dei gadget, della ristorazione, degli usi e costumi del Sol Levante.
Quello che fino all’anno scorso era contenuto nel Real Collegio si allarga nella parte nord-orientale del centro storico, per colorare e invadere pacificamente un intero quartiere. Nasce così Japan Town, l’area che ruoterà attorno a piazza San Francesco, aprendo così a un’intera parte di città il flusso delle migliaia di visitatori. Nello spazio antistante la chiesa ci sarà un padiglione di 400 mq dedicato a gadget, action figure e scuole di manga; dentro la chiesa ci saranno mostre a tema, attività laboratorio, workshop e incontri, e altre attività saranno ospitate nella Cappella Guinigi e nella Sala a Volte. Nel Giardino degli Osservanti sono previsti altri sette padiglioni, con inoltre il ManGiappone (il tradizionale spazio ristoro con specialità nipponiche) e un palco che ospiterà musica ed eventi. Insomma, la Revolution del 2014 parte proprio da nord-est, con l’ampliamento di un settore che negli ultimi anni ha conosciuto formidabile crescita di popolarità, di pubblico, di espositori.

Liberatosi il Real Collegio, prima occupato dall'area Japan, lo spazio dedicato ai più piccoli trova una nuova dimensione e passa da Area Junior in Cortile degli Svizzeri a Family Palace.
Lo spostamento consentirà di dare un nuovo respiro al settore Junior, non più circoscritto in un singolo padiglione, ma valorizzato in un luogo di grande prestigio. Quest’anno l’ingresso a tutta l’area Junior all'interno del Family Palace sarà completamente gratuito per adulti e bambini (non sarà necessario, quindi, l'acquisto del biglietto del Festival). Una speciale mostra sarà dedicata a Guido Scarabottolo, noto illustratore di libri per l'infanzia, famoso in tutto il mondo.

Le novità della logistica
La biglietteria di piazzale Risorgimento sarà spostata nella piazzetta antistante le ex Officine Lenzi a San Concordio, mentre tutte le altre restano confermate. Sarà rinnovata anche quest’anno l’iniziativa Comics in Bus, per arrivare a Lucca in tutta comodità dai più lontani angoli d’Italia, mentre l'organizzazione sta lavorando per offrire un programma di mezzi di collegamento veloce dalle città più vicine, coordinato con i principali treni in arrivo da fuori regione.
Inoltre, è stato stipulato un accordo con Capannori che fornirà 1.200/1.500 posti posti auto. Da lì sarà possibile raggiungere Lucca con mezzi ad hoc.
Sempre a Capannori, i luoghi della cultura come Artè ed Artémisia, accoglieranno diversi eventi e, ma è ancora un'idea in divenire, tornei notturni di e-sports (tornei di videogiochi come FIFA, COD, LOL etc...)

Come lo scorso anno LuccaCittà.net parteciperà in modo attivo alla manifestazione con articoli mirati e dedicati a veri appassionati del settore.
QUI la rubrica dell'edizione 2013.




 

Condividi su:

Seguici su Facebook