Taglio del nastro per la XIV edizione di Murabilia

| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Ha ufficialmente preso il via la XIV edizione di "Murabilia - Mura in Fiore".

Intorno alle ore 12.40 di ieri, venerdì 5 settembre, il taglio del nastro che ha reso ufficiale l'apertura della manifestazione in un’atmosfera festosa e informale.
In vista di questo evento, che ha come cornice lo splendido panorama delle Mura, saranno presenti 220 espositori da da Francia, Germania, Italia, Inghilterra, Slovenia e perfino Brasile.
Attesi circa 20.000 visitatori.

Il Sindaco Tambellini ha visitato la manifestazione, che conta oltre 220 espositori, insieme alle autorità e all’assessore all’Agricoltura della Regione Toscana Gianni Salvadori, che nello stand del vivaio Crug Farm ha consegnato il Premio per la Biodiversità ai titolari, gli coniugi inglesi Bleddyn e Sue Wynn-Jones. Nonostante siano nonni da qualche anno, lo spirito con cui affrontano le loro avventurose campagne in giro per il mondo è quello di curiosi ed esuberanti giovani che hanno ancora tutto da scoprire. Il riconoscimento, accolto dai due botanici con visibile commozione e gratitudine, è per l’ultraventennale attività di cercatori di piante che contribuiscono alla conoscenza e alla valorizzazione della flora del mondo intero. Scopritori di specie nuove, alcune delle quali di grande interesse ornamentale e da loro introdotte in coltura, i Wynn-Jones hanno portato a Murabilia uno straordinario carico di meraviglie per collezionisti, soprattutto nell’ambito degli arbusti. Da visitare il loro stand sul Baluardo San Regolo, prima che si svuoti, come succede regolarmente da sei anni a questa parte.

Verso sera è stato assegnato un altro riconoscimento, ad un italiano, però emigrato giovanissimo in Costa Azzurra (a Vallauris, il paese di Picasso) come realizzatore di giardini e vivaista di piante esotiche e rare e là stabilmente rimasto, salvo sporadici rientri in Italia per presentare le sue piante e mietere applausi. Dino Pellizzaro ha detto di essere lusingato per il Premio Noaro, assegnato ogni anno a chi, in ambito europeo, introduce piante da ambiente mediterraneo, subtropicale e tropicale. Baffoni, bretelle, voce stentorea, c’è chi ravvede in lui un parente di Obelix, di certo è un raffinatissimo conoscitore delle piante con amicizie botaniche nel mondo intero e uno scanzonato affabulatore che a Murabilia ha voluto fare un regalo: la presentazione in anteprima europea di Salvia benthamiana, accolta con estremo interesse dai collezionisti che per primi hanno visitato Murabilia. Fioritura rosso fuoco per 6 mesi all'anno, sinora la bella salvia ornamentale centromericana s'era vista nel Vecchio Continente solo nei fogli d'erbario dei Kew Gardens di Londra e in quelli dell’orto botanico di Edimburgo.

Atmosfere internazionali lungo tutto il percorso di visita, se non altro per il fatto che le piante non conoscono altri confini che quelli climatici e chi le coltiva ha lo spirito del globe trotter. Ha destato molto interesse per esempio la collezione di Brachychiton, alberi e arbusti dell’Australia e della Nuova Guinea dalla spettacolare fioritura, considerati tra i più antichi che si conoscano: sono stati rinvenuti fossili che risalgono a 50 milioni di anni fa. Mirco Bagaloni del vivaio anconetano Tropico del Conero ha fatto nascere personalmente una specie dai semi ottenuti dopo lunghe ricerche sul mercato europeo e con rocambolesche avventure è riuscito a importare direttamente dall’Australia 5 ibridi nuovi per l’Europa. Bagaloni, che ha contribuito con un capitolo al libro “Piante cibo del mondo” presentato oggi come novità libraria di Murabilia e in vendita alle casse della manifestzione, in novembre abbandonerà momentaneamente l’attività di vivaio per coronare la sua storia d’amore con una ragazza di Managua.

Domani il bel mondo internazionale della botanica e del giardinaggio tornerà a darsi appuntamento sulle mura di Lucca per il secondo giorno di Murabilia. Apertura alle ore 9,30 con accesso alle casse dislocate su Baluardo San Regolo, Baluardo La Libertà, Sortita Cairoli e spalti del Baluardo La Libertà.
Lungo tutta la giornata sono previste altre premiazioni e conferenze, tra cui alle ore 10 quella attesa di Gianfranco Giustina, che le istituzioni botaniche inglesi hanno nominato “giardiniere mondiale dell’anno” del 2014 e che da domani sarà anche Giardiniere Onorario dell’Orto Botanico di Lucca.


Presente anche uno stand condiviso da Comune di Lucca e Comune di Capannori: è  la prima iniziativa concreta del protocollo d’intesa per la valorizzazione congiunta di itinerari turistici e attività di promozione siglato pochi giorni fa dai due Comuni più grandi della Piana (QUI l'articolo).

In allegato il programma completo della manifestazione.

 

Documenti (1)

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK