Partecipa a LuccaCittà.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La Provincia cerca collaboratori per un progetto di accoglienza rivolto a rifugiati o richiedenti asilo

Condividi su:

La Provincia di Lucca ha aperto una selezione per individuare un soggetto terzo, specialista collaboratore (imprese singole, coop, consorzi o gruppi di associazioni) in grado di elaborare un progetto, per conto della stessa amministrazione, che parteciperà al bando del Ministero dell’Interno finalizzato al finanziamento di un progetto Sprar (Sistema nazionale di protezione richiedenti asilo e rifugiati).

L’avviso pubblicato dalla Provincia nella sezione “avvisi bandi e gare” del sito istituzionale (www.provincia.lucca.it) scade il prossimo 5 settembre.

Il progetto di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati vede la Provincia di Lucca come ente capofila dal 2008 in parternariato con altri enti locali del territorio e l’Azienda Usl n. 2 di Lucca. Ad oggi il progetto ha permesso la presa in carico – sul territorio della provincia di Lucca – di 97 persone che hanno avuto la possibilità di vedere salvaguardati i loro diritti e di venire accolti nelle comunità locali con uno percorso di integrazione e con specifiche iniziative di accoglienza e tutela.

In sostanza l’ente di Palazzo Ducale cerca un soggetto che partecipi con gli uffici provinciali all’attività preliminare di co-progettazione ed organizzazione del Servizio Sprar di Lucca e nelle successive fasi di gestione ed erogazione dei servizi insieme con gli altri partner.

I soggetti interessati alla selezione devono inviare l’apposita domanda all’Ufficio protocollo della Provincia di Lucca – Cortile Carrara – 55100 Lucca entro le ore 13.00 di giovedì 5 settembre.

Tra i requisiti indicati (per tutti gli altri si rimanda alla consultazione completa del bando): l’esperienza per oltre 24 mesi, anche non continuativa, svolta negli ultimi tre anni in servizi a favore di enti pubblici e/o privati inerenti la presa in carico di richiedenti asilo rifugiati e umanitari, per importi non inferiori a 200 mila euro; l’iscrizione alla Camera di Commercio nel registro delle organizzazioni di volontariato o al registro delle associazioni di promozione sociali o all’albo delle coop sociali.
Le date di inizio e di conclusione del progetto – che sarà attivato solo in caso di approvazione e finanziamento da parte del Ministero - saranno fissate dal Dicastero stesso in sede di approvazione delle procedure per l'assegnazione dei finanziamenti ed è presumibile la durata triennale 2014-2016. Si ipotizza il 1° gennaio 2014 quale data per l’avvio dei nuovi progetti Sprar.

Per informazioni: Ufficio politiche sociali della Provincia di Lucca. Tel 0583-417364; 417753; ops@provincia.lucca.it

Condividi su:

Seguici su Facebook