LAVORO - La Provincia finanzia 21 progetti con il bando Linea Credito Nuova Impresa

| di Redazione
| Categoria: Economia
STAMPA

Uno studio di tatuaggi, un centro di sviluppo per "app" per cellulari e pc, un centro studi bilingue, uno studio di marketing on line, un laboratorio di arte orafa, ma anche uno studio di consulenza arredi e una casa di produzione video, oltre a un campeggio e vari bar e ristoranti. Sono questi solo alcuni esempi delle attività che nasceranno dall'intraprendenza e dalle idee di giovani che hanno fatto domanda per accedere ai finanziamenti del bando 'Linea Credito Nuova Impresa' indetto dalla Provincia di Lucca.Si tratta di 21 progetti, presentati da altrettanti aspiranti imprenditori, che rappresentano tutte le zone che compongono la provincia di Lucca: dalla Garfagnana, fino alla Versilia, passando per la Piana e, ovviamente, per il capoluogo. In tutto accederanno a 100mila euro, messi a disposizione dall'amministrazione provinciale, attraverso il Fondo Sociale Europeo sul bando 'Linea credito nuova impresa', che ha lo scopo di sostenere e favorire la crescita del tessuto produttivo locale, attraverso la valorizzazione delle risorse umane e di interventi di aiuto per la nascita di imprese dotate di buone prospettive di consolidamento. A questi fondi, si aggiunge il finanziamento bancario per l'avvio di impresa concesso dalla Cassa di Risparmio di Lucca-Pisa-Livorno, che ammonta, complessivamente, a oltre 213mila euro.«Anche quest'anno - commenta l'assessore provinciale alle Politiche del lavoro, Mario Regoli - il nostro territorio ha risposto molto bene a questa opportunità che la Provincia, attraverso i fondi europei, mette a disposizione delle persone che hanno le idee e la volontà di rimettersi in gioco nel mondo del lavoro. Una dimostrazione che il nostro territorio, pur vivendo un momento difficile, segnato dalla crisi economica, presenta ancora una vivacità dal punto di vista dell'imprenditorialità. L'auspicio è che l'incentivo economico che diamo a questi nuovi imprenditori possa contribuire al successo delle loro iniziative e che i progetti presentati possano divenire importanti opportunità lavorative». Il bando era rivolto a persone inattive, inoccupate, disoccupate, soggetti in mobilità, immigrati, lavoratori in cassa integrazione, sempre che fossero iscritti nelle liste anagrafiche dei Centri dell'Impiego della Provincia e il progetto che presentavano doveva riguardare l'avvio di impresa. Nel contributo è prevista anche una consulenza che spazia dalla compilazione del business plan all'accesso al credito che avviene tramite la Cassa di risparmio di Lucca-Pisa-Livorno Gruppo Banco Popolare, senza la richiesta di garanzie personali o del nucleo familiare, fino a un massimo di 25mila euro. Da parte sua, la Provincia ha messo a disposizione un contributo per il rimborso delle spese sostenute nella fase di start-up, che va a coprire gli esborsi fino a un massimo di 5mila euro.La determina dirigenziale "Graduatoria Bando Linea Credito 2013" è pubblicata sul sito della Provincia di Lucca nella sezione lavoro. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al Servizio istruzione, formazione e lavoro della Provincia in via Lucarelli a San Vito, tel. 0583/417445.

Redazione

Contatti

redazione@luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK