Partecipa a LuccaCittà.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Bindocci: Domenica alle 19 il Mercatone di Lucca chiude per sempre.

Condividi su:

Domenica alle 19 il Mercatone di Lucca chiude per sempre.

Difficilmente riaprirà. È quello che dovrebbe riaprire li è un negozio ad insegna  Globo con circa un terzo del personale. Mercatone ha rappresentato a LUCCA un negozio di mobili importante, ma la fine che alcuni imprenditori gli hanno fatto fare la pagheranno alcuni creditori e molti lavoratori. ALTOPASCIO ha chiuso al pubblico già da oltre una settimana.

La trattativa con il nuovo acquirente entrerà nel vivo il 22 e il 29 Giugno. Probabilmente prima di vedere una riapertura potrebbe passare anche un anno e molte sono le domande. Quanti continueranno a lavorare, come saranno scelti -vorremmo criteri oggettivi- quando e cosa succederà a chi non verrà  preso. Si è chiesto un interessamento della politica a livello regionale e nazionale. 

Sabato alle 19 le lavoratrici ed i lavoratori di Lucca  hanno fatto un piccolo presidio distribuendo un volantino. Come Uiltucs e Uil abbiamo patrocinato l'iniziativa, anche se non abbiamo capito perché su LUCCA non siamo riusciti a fare iniziative di resistenza come a Colle Val d'Elsa e come ad ALTOPASCIO in un primo momento.

La vertenza continua e la posta in palio per il personale Mercatone è alta: il posto di lavoro.

Volantino che sarà distribuito alla ultima chiusura di Mercatone

"Ci sentiamo in dovere di ringraziare tutti i clienti che, in tanti anni, sono stati la nostra forza contribuendo a far si che il nostro lavoro ed il nostro impegno quotidiano, oltre a soddisfare le loro esigenze, hanno dato a tutti noi la possibilità di vivere una vita dignitosa . Purtroppo la nostra amata azienda é fallita per motivi che , certamente, non sono dipesi da noi dipendenti e, per questo, non ci sentiamo dei falliti . Noi tutti , anche a nome delle nostre famiglie, vi ringraziamo di cuore .E vi chiediamo di sostenerci nella nostra lotta per poter continuare a lavorare."

--
Massimiliano Bindocci

Condividi su:

Seguici su Facebook