Partecipa a LuccaCittà.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'oscar italiano del videogioco premia "The last of us"

Poker di premi alla "Notte del Drago d'oro" per il titolo Naughty Dog

La Redazione
Condividi su:

Si parla molto spesso, e ampiamente, degli Oscar: Academy Awards, il premio cinematografico per antonomasia. Il più ambito, il più famoso e il più importante.

Nel mondo dei videogiochi, esiste un premio molto simile chiamato “Drago d'oro”, una sorta di “Oscar Videoludico” che viene concesso solo ai grandi titoli.
L'iniziativa è tutta italiana e si ispira ai famosi Bafta Awards e i VGX Awards  e sta riscuotendo un discreto successo.

La lotta ad armi pari, era ovvio, vedeva come due colossi “The last of us”(QUI la recensione) e “GTA V” (QUI la recensione).

Il gioco Naughty Dog si è rivelato essere un titolo completo sotto ogni punto di vista, mentre il videogioco Rockstar ha rivoluzionato il termine “videogiocare”.
Senza dubbio, entrambi i prodotti delle due case sono stati realizzati in modo che potessero spremere le attuali console, ormai prossime al rimpiazzamento “Next-Gen”.

Milgior personaggio: un titolo difficile da guadagnarsi poiché tra i papabili vi erano Jodie (Ellen Page) di “Beyond”, Trevor di “GTAV” e i due protagonisti di “The last of us”.
Contro ogni previsione ha trionfato Lara Croft (“Tomb Raider”).

Miglior gioco sportivo: nell'italico paese, dove il calcio è sport nazionale, per taluni è quasi un credo, una religione... ha vinto il videogioco di basket “Nba 2K14”.

Miglior gioco di corse: troviamo il primo videogioco esclusiva della “Next-Gen”, "Forza Motorsport 5”.

Miglior sparatutto: il dominio di “Call of Duty” non è bastato a convincere la giuria che ha premiato “Bioshock Infinite”.

Miglior gioco di azione e avventura: primo scenario della battaglia “The last of us” e “Grand Theft Auto V”. Tra i due, ha avuto la meglio “GTAV”.

Miglior Platform: "Rayman Legends", un titolo Ubisoft. L'unico. Dopo il successo dello scorso anno, riscosso da “Assassin's Creed III”, la casa produttrice della famosa saga ha visto il suo titolo svanire. Sarà forse un evidente segno che il pubblico si è stancato della “solita minsetra riscaldata”?

Miglior Gioco di Ruolo: già dall'annuncio era chiaro che questo titolo avrebbe avuto un discreto successo, “Ni No Kuni” della Namco.

Miglior videogioco di strategia: "Pikim 3" della Nintendo, che ha visto il suo personaggio di punta, Mario, restare a mani vuote.

Miglior gioco... “casual”: "Skylanders Swap Force". Un titolo che unisce virtuale a realtà aumentata, grazie a delle particolari statuette vendute insieme al videogioco.

Miglior grafica: questo premio non poteva non andare ad un gioco “Next-Gen”. Il contrario avrebbe significato un fallimento di linea generale delle nuovo console. “Ryse: son of Rome” si porta a casa la statuetta.

Miglior Gameplay: lotta serrata ancora una volta tra “GTAV” e “The last of us”. È il titolo Rockstar a sfangarla.

Miglior sceneggiatura: “The last of us” e “Beyond two souls” (di seguito un'immagine della sceneggiatura) sono forse i giochi con la trama più avvincente e coinvolgente di sempre. Due titoli che incollano il giocatore allo schermo. In questa lotta ad armi pari, si è aggiudicato il premio “The last of us”.



Miglior colonna sonora: con questo titolo “The last of us” e “GTAV” tornano in parità. È infatti il gioco Naughty Dog il vincitore di questo premio.

Miglior gioco indipendente: "Brothers: A Tale of two Sons" degli sviluppatori Stabreeze Studios.

Premio speciale della giuria: “Tearaway” di Sony Computer Entertainment e sviluppato dai realizzatori di “Little Big Planet”.

Videogioco dell'anno 2013: non è stato facile trovarsi in giuria per decidere tra “The last of us” e “GTAV” ancora una volta a confronto. Come era giusto che fosse, nonostante “GTAV” sia comunque un gioco meritevole, ha vinto questo ambito premio “The last of us”.

Videogioco “scelta del pubblico”: l'epica lotta tra i due titoli più importanti dell'anno si è manifestata anche in questo caso. “GTAV” da una parte, “The last of us” dall'altra. Il pubblico ha parlato: “The last of us”.


Drago d'oro italiano:

Miglior gioco indipendente italiano: “Joe Dever's Lone Wolf - Blood On The Snow (Act 1)” sviluppato da Forge Reply

Miglior realizzazione tecnica: “Assetto Corsa” di Kunos Simulzioni

Miglior game design: ancora una volta “Joe Dever's Lone Wolf - Blood On The Snow (Act 1)”

Miglior realizzazione artistica: “MirrorMoon EP” degli sviluppatori di Santa Ragione


Ormai è noto a tutti. Il Tweet più retwettato di sempre. Il selfie della notte degli Oscar è apparso almeno una volta sugli schermi di pc e smartphone di tutti noi:


I ragazzi del "Trio Medusa", presenti alla "Notte del drago" hanno preferito non essere da meno:

Condividi su:

Seguici su Facebook